Adozioni

L’adozione è un istituto giuridico regolamentato da una legge nazionale (la L. 184 del 1983 modificata dalle successive L. 476/1998 e L. 149/2001), con la finalità di assicurare una famiglia ad un bambino che ne è privo o che ne ha una che non è in grado di fornire le cure necessarie alle sue esigenze di crescita.

Il Servizio della Asl delegato allo svolgimento dell’attività, secondo le linee guida regionali del Decreto del Commissario ad Acta 12 maggio 2014, n. U00152, è il Consultorio Familiare. Prevede attività integrate con i Municipi, svolte da professionisti dell’area sociale e psicologica, attraverso il “G.I.L. Adozioni” , un gruppo integrato di lavoro tra Municipi e ASL, che, su mandato del Tribunale per i Minori, ha il compito di orientare, informare, accompagnare e sostenere le coppie che aspirano a diventare genitori adottivi e le famiglie adottive.

L’aspirante coppia adottiva ha la possibilità di proporre il proprio ambito familiare per accogliere un bambino in stato di abbandono, presentando al Tribunale per i Minorenni una “dichiarazione di disponibilità” all’adozione nazionale e/o internazionale. La disponibilità all’Adozione Nazionale ha la validità di tre anni.

Iter pre-adozione

  • Prima di presentare la domanda ai coniugi viene richiesto di partecipare al Gruppo di Orientamento all’Adozione (G.O.A.) presso la ASL di residenza, previa iscrizione telefonica al Dipartimento Politiche Sociali Roma Capitale (Tel. 348 3450438). Il G.O.A. è articolato in due incontri di circa quattro ore ciascuno, è condotto da uno Psicologo e da un’Assistente Sociale. Al termine viene rilasciato un attestato da presentare al Tribunale per i Minorenni.
  • Dopo la partecipazione al G.O.A. la coppia può decidere o meno di formalizzare al Tribunale per i Minorenni la disponibilità all’adozione nazionale, internazionale, o ad entrambe.
  • Nel caso in cui la coppia formalizzi la disponibilità presso la Cancelleria Adozioni del Tribunale per i Minorenni in Via dei Bresciani,32, essa deve essere corredata da idonea documentazione il cui elenco completo viene dato al termine del GOA e comunque può essere scaricato dal sito del Tribunale per i Minorenni. (vedi link giustizia.lazio modulistica)
  • Al momento della presentazione della disponibilità, i coniugi ricevono dal Tribunale per i Minorenni un questionario informativo sull’Adozione, da compilare con l’équipe di riferimento.
  • Ricevuta la disponibilità della coppia, il Tribunale per i Minorenni trasmette al servizio di Medicina Legale e al GILA (Gruppo Integrato di Lavoro sulle Adozioni) la richiesta per l’avvio del percorso di inchiesta, ognuno per le sue competenze, che deve essere effettuato entro 4 mesi.
  • La coppia viene quindi contattata dall’équipe territoriale del GILA, composta da un assistente sociale e uno psicologo, per fissare i tempi e le modalità del percorso di approfondimento, che prevede una serie di incontri volti ad offrire una possibilità per la coppia di comprendere meglio la realtà dell’adozione e di essere preparata e accompagnata nel fare le scelte più opportune.
  • Al termine dei colloqui l’équipe redige una dettagliata relazione sulle caratteristiche e la storia della coppia, che insieme al resto della documentazione, sarà consegnata alla coppia per essere portata al Tribunale per i Minorenni.
  • La coppia parallelamente viene contattata dal servizio di Medicina Legale per il rilascio delle impegnative atte alle indagini mediche finalizzate al rilascio di un certificato di idoneità psicofisica, che sarà redatto da parte del Servizio di Medicina Legale.
  • Completata l’iter preadottivo con l’équipe del GILA e con la Medicina Legale e presentata la documentazione al Tribunale per I Minorenni, la coppia viene convocata da un Giudice Onorario per un colloquio di conoscenza.
  • Successivamente, acquisito anche il parere del Pubblico Ministero, ha luogo una Camera di Consiglio nella quale il Tribunale per i Minorenni decide in merito all’idoneità della coppia per l’adozione internazionale e all’inserimento del suo nominativo nell’archivio informatico del Tribunale per le proposte di abbinamento di bambini per l’adozione nazionale per i 3 anni successivi alla presentazione della disponibilità.
  • In caso di idoneità per l’adozione internazionale, la coppia riceve il relativo decreto ed entro un anno deve dare incarico a uno degli Enti Autorizzati per avviare la procedura presso lo Stato estero, altrimenti il decreto decade e ne deve essere richiesto, motivatamente, il rinnovo. L’elenco degli Enti è consultabile presso il sito della Commissioni Adozioni Internazionali (CAI)

L’iter post-adozione

  • La coppia può ricevere la richiesta di abbinamento con un minore da parte del Tribunale per i Minorenni, si avvia così il collocamento provvisorio e successivamente l’affidamento preadottivo. Il nucleo familiare adottivo usufruisce automaticamente del sostegno e della vigilanza degli operatori del GILA, in collaborazione con il Tutore, nominato da giudice.
  • Nel caso di adozione internazionale i neogenitori adottivi sono seguiti dagli operatori dell’Ente autorizzato che ha curato l’adozione, altrimenti possono fare esplicita richiesta al GILA, essendo facoltativo avvalersi della loro professionalità.
  • Nel periodo che precede la dichiarazione di definitività dell’adozione, gli operatori indicati riferiscono periodicamente al Tribunale per i Minorenni sull’andamento della situazione per gli eventuali provvedimenti che dovessero rendersi necessari. Una volta che l’adozione è diventata definitiva, cessano gli obblighi di sostegno e vigilanza sia per le coppie che per il GILA che, tuttavia, rimane a disposizione del nuovo nucleo familiare.

Link utili

Sito Tribunale per i Minorenni: www.giustizia.lazio.it
Sito della Commissione Adozioni Internazionali

Servizi dalla A alla Z

Centro Diurno Alzheimer “il Pioppo”

Il Centro Diurno Alzheimer “Il Pioppo”via P. Falconieri 55tel 06/58202058email: ilpioppo@nuovasocialita.org Asl Roma 3 medico geriatra del centro email: ilpioppo@aslroma3.it Per accedere al centro bisogna rivolgersi al Punto Unico di Accesso (PUA) / segretariato sociale del proprio Municipio di residenza Municipio XIvia

Read More »

Manifestazione di interesse

Avviso di ricerda di mercato per la realizzazione della carta dei servizi dell’Azienda Sanitaria Locale Roma 3 tramite sponsorizzazioni. Con il presente avviso, l’Azienda Sanitaria Locale Roma 3, al fine di migliorare la qualità e la modalità comunicativa delle informazioni di interesse

Read More »

RISCHIO DA ALTE TEMPERATURE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

La Regione Lazio ha predisposto un documento focalizzato sul rischio da clima e microclima. Le alte temperature, caratterizzanti la stagione estiva, costituiscono infatti un ulteriore fattore di rischio per i lavoratori, in particolar modo nelle attività che si svolgono in ambiente esterno

Read More »